Sulcis Iglesiente
Visita il Sulcis Iglesiente  
 
COSE DA FARE E DA VEDERE  |   PIANIFICA LA TUA VACANZA  |   RICETTIVITÀ  |   PACCHETTI E OFFERTE  |   LA TUA VALIGIA 
Mare  >   Cultura  >   Natura  >   Vacanza attiva  >   Sport d'acqua  >   Sapori e artigianato  >   Eventi  >   Itinerari  >   Turismo didattico   >  Comuni
 
Ricettività  >   Ristorazione  >   Servizi  >   Trasporto  >   Agenzie di viaggio  >   Agenzie di incoming  >   Numeri Utili
 
 
 
 
 
 
Invia una cartolina
Galleria fotografica
Wallpaper e download
Come arrivare
Dicono di noi

Provincia di Carbonia Iglesias
Provincia di
Carbonia Iglesias
Assessorato Turismo
Sulcis Iglesiente


BIKING NATURA. I FALCHI DI SAN PIETRO.



Punto di Partenza: Carloforte
Tappe intermedie: Punta delle Colonne, Oasi LIPU, Capo Sandalo, Cala Fico
Punto di arrivo: Carloforte
Difficoltà: media / alta
Dislivello: 0-140 m s.l.m.
Lunghezza: 35 km circa
Tempo di percorrenza: 9 ore circa

  


Tutta l'isola di San Pietro per i bikers più scatenati. La sveglia suona molto presto: il percorso è lungo, la sfida è grande. La frescura del mattino non lascia speranza a chi vorrebbe ancora sprofondare tra i cuscini, avvolgendosi tra le lenzuola che profumano di pulito. La finestra aperta, i primi raggi di sole che fanno capolino, la doccia, una colazione veloce sul lungomare di Carloforte, fuori gli occhiali e quindi via, affondando il pedale. La strada per Punta delle Colonne costeggia il mare e attraversa le Saline di Carloforte. Si lascia la strada provinciale 103 per un facile sterrato di 70 metri che porta fino alla falesia della Punta ed eccole lì, le Colonne. Simbolo dell'isola, sono i mostri pietrificati da San Pietro per difendere i cittadini dai loro malefici. Alte circa 16 metri, questi faraglioni di ignimbrite riolitica sono stati generati dall'erosione marina selettiva che ha scomposto le bancate laviche originarie. Da qui si gode un panorama notevole sull'Isola di Sant'Antioco e il primo tuffo è nelle acque limpide della riparata spiaggia La Bobba. Per raggiungere Capo Sandalo si prosegue lungo la provinciale 102. Il paesaggio è tipicamente agrario: case rurali trasformate in seconde case, una macchia di ginepri ed essenze. I profumi, in questo pezzo di isola, sono inebrianti. Il faro si annuncia già da lontano mentre i Falchi della Regina sorvolano il territorio. É questo il loro regno. Nel 1400 la "giudichessa" sarda Eleonora d'Arborea dichiarò protetti tutti i falchi della Sardegna. Dal 1981 la LIPU ha istituito a San Pietro la sua Oasi. Oggi l'Isola è un'area d'importanza internazionale per la nidificazione degli uccelli marini del Mediterraneo e qui si trovano praticamente tutti gli esemplari del Falco di Eleonora presenti in Sardegna (forse 300 coppie). Inoltre è stato localizzato uno dei 57 biotopi di rilevante interesse indicati dalla Società Botanica Italiana. Ogni estate circa 100 coppie di falchi arrivano dal Madagascar per nidificare nell'Oasi e dal mese di maggio le scogliere sono vivacizzate dal vociare, dai voli di corteggiamento, dalle picchiate sulle prede e dalle delicate fasi della riproduzione di questi splendidi rapaci. Ma si possono osservare anche altre specie, come il Gheppio, la Poiana ed il Falco pellegrino. L'Oasi si estende su una superficie di 236 ettari nella parte occidentale dell'isola con 6,6 Km di costa, da Cala Vinagra a Punta del Capodoglio, ma potrebbe essere estesa a tutta la falesia meridionale, per ampliare l'area di salvaguardia della fauna ornitica. Per chi ha la fortuna di passare da queste parti, e per gli esperti e gli studiosi che qui continuano a fare ricerca, è evidente che le continue modificazioni geologiche e climatiche dell'isola hanno favorito la costituzione di un ambiente del tutto unico, caratterizzato da una varietà floristica e faunistica comprendente numerose specie che si trovano soltanto a San Pietro e che hanno portato alla classificazione della zona come "area di interesse internazionale". Pochi chilometri separano il centro visite dell'Oasi da Capo Sandalo e Cala Fico, ultima tappa di questo percorso prima del ritorno a Carloforte. Il silenzio della Cala ispira le migliori acrobazie. Un giro di emozioni e di libertà in sella: incoscienza, sport estremo, voglia di sfidare se stessi, il vuoto e l'immenso. Trails che liberano le più scatenate fantasie, dove non c'è niente di più bello che una baia in cui gli unici rumori provengono dallo scricchiolio delle gomme sulle pietre. Immersi nel blu, in questo angolo di Sulcis Iglesiente, i bikers più scatenati, che amano anche rilassarsi, si fanno un regalo che non ha prezzo.


indietro   indietro    |    Versione stampabile   Versione stampabile



B&B AL CONTE CAVOUR
B&B AL CONTE CAVOUR

B&B, Sant'Antioco


Chi siamo   |    Contattaci   |    Accedi / Registrati   |    Newsletter   |    Mappa del sito   |    Area press   |    Area TO e AdV   |    Area operatori   |   Termini e condizioni   |    Credits
Sardegna Turismo
 
Facebook Blog YouTube